Categoria: News

giovedì 29 agosto 2019
Da Lunedi 2 settembre un Crowdfunding per l'Atletico Aipd
themes/aipdoristano/uploads/mkNews/attachments/65_Foto backstage 2.jpg
Per 40 giorni sarà attiva una raccolta fondi i cui proventi saranno destinati all'acquisto di un campo mobile di basket.
 

 

Clicca qui per conoscere come poter contribuire!

 


È GianMarco Pozzecco, coach della Dinamo Sassari, il testimonial d’eccezione del videoclip con il quale l’ATLETICO AIPD di Oristano darà il via il 2 settembre alla campagna di crowdfunding legata al progetto “ABBIAMO FATTO SQUADRA: FACCIAMO 21!”. Il Poz, tecnico della squadra sassarese vicecampione d’Italia, infatti, ha voluto sposare l’idea dell’associazione sportiva oristanese di promuovere l’avviamento allo sport, la formazione di un Team di tecnici e educatori, la diffusione della cultura sportiva, attraverso un programma di basket dedicato alle persone con la sindrome di Down e che in forma itinerante toccherà 15 località del territorio sardo con il coinvolgimento del mondo della scuola, le amministrazioni locali e le associazioni sportive.

Progetto sostenuto dalla Fondazione Vodafone Italia in seno al bando OSO - Ogni Sport Oltre, e dalla Fondazione con il Sud e che, proprio in sede d’avvio, prevede una campagna di 40 giorni di raccolta fondi. Se da un lato l’iniziativa ha già avuto un importante contributo da parte della Fondazione Vodafone Italia e dalla Fondazione con il Sud, dall’altro è previsto il coinvolgimento della comunità per il raggiungimento di quella quota utile a completare le risorse necessarie per la realizzazione del progetto stesso. Il crowdfunding, appunto, non è altro che l’opportunità per amici e sostenitori di contribuire, senza una quota fissa ma nelle disponibilità di ciascuno, a raggiungere il traguardo fissato dall’associazione sportiva. “La meta è ottomila euro, racconta Francesco Redaelli, presidente dell’Atletico Aipd di Oristano. Ci siamo dati questo traguardo, che speriamo possa essere anche superato, per acquistare un campo mobile con il quale i nostri atleti della squadra di basket, tutti con la sindrome di down, potranno esibirsi nelle piazze di almeno quindici centri della Sardegna e coinvolgere le comunità e in particolare il mondo della disabilità a partire dalla sindrome di down.”

Dal 2 settembre, dunque, attraverso il lancio di un videoclip di tre minuti e diretto da un regista locale, si darà il via a quaranta giorni di raccolta: oltre alle immagini che vedranno protagonisti i ragazzi della squadra di basket oristanese, si troveranno tutte le indicazioni per entrare nella grande piattaforma digitale OSO – Ogni Sport oltre e accedere alle modalità di contribuzione.